fbpx

Passaporto vaccinale: aggiornamenti

Dillo ai tuoi amici. Condividi ora!

Passaporto vaccinale: aggiornamenti al 14 marzo.

Rispetto quanto scritto negli ultimi articoli che puoi trovare qui (clicca per leggere su passaporto sanitario, IATA travel pass e certificato sanitario) ci sono stati aggiornamenti e te li elencheremo qui di seguito.

Forse ci siamo?

Ti ricordiamo che nonostante la velocità di un bradipo addormentato, l’Unione Europea, i singoli stati, le associazioni di categoria (relativamente a strutture ricettive e compagnie aeree), giorno dopo giorno dopo giorno dopo g… stanno muovendo piccolissimi e impercettibili ma significativi passi verso la luce in fondo al tunnel, ovvero si stanno muovendo per permettere al mondo di tornare a viaggiare.

Leggi qui di seguito quelli che sono gli ultimi aggiornamenti.

Passaporto vaccinale: cosa stanno decidendo alcuni stati

Alcune destinazioni si stanno muovendo anzitempo proponendo le loro soluzioni a riguardo: certo una goccia nell’oceano ma l’importante è che qualcuno, da qualche parte, inizi.

Come cita uno dei miei film preferiti: ‘E’ così che tutto inizia sempre: dal molto piccolo’.

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Il governo spagnolo, quasi anticipando tutti, ha deciso di ammettere l’ingresso nel paese a partire da maggio, a tutti coloro che saranno muniti di un passaporto digitale che avrà la funzione di registrare vaccinazioni, test anti-Covid negativi e certificati di guarigione.

Il viaggiatore potrà portare con se anche i documenti cartacei.

La Cina, dal lato suo ha introdotto un passaporto digitale che altri non è che un’applicazione per smartphone, che avrà lo scopo di visualizzare lo stato di salute dei passeggeri attraverso i test effettuati o i vaccini. 

Questa applicazione è riservata solo ai cittadini di nazionalità cinese a cui tuttavia non sono vincolati da nessun obbligo (stranamente).

Lo stesso tipo di documento, che è allo studio anche a livello europeo, sembra che sarà adottato anche dagli Stati Uniti.

Le compagnie aeree cosa fanno?

La più amata ed odiata delle compagnie aeree, Ryanair, ha bruciato le concorrenti sul tempo introducendo una novità: il ‘Covid Wallet‘.

Come sappiamo Ryanair una ne pensa e cento ne fa, ma questa volta (una volta ogni tanto), l’ha pensata bene…

(ndr. prossimamente ti dirò anche che cosa stanno combinando, una scorrettezza non da poco secondo me anche se perfettamente legale. Quindi se ti interessa sapere di più, rimani in contatto con noi iscrivendoti alla newsletter, clicca qui)

Il Covid Wallet è disponibile sulla app della Ryan ed in vista degli spostamenti, specialmente quelli estivi, permetterà di caricare i diversi test anti-covid effettuati, vaccinazioni, certificati e quant’ altro possa servire per permettere lo spostamento del passeggero e facilitare la presentazione degli stessi.

Passaporto vaccinale: quale tecnologia sarà usata?

Probabilmente ai fini dell’inviolabilità delle informazioni che saranno veicolate, sarà utilizzata la nuovissima tecnologia ‘blockchain‘, quella delle critptovalute per capirci, che per fartela breve, è una specie di registro elettronico su cui vengono iscritte informazioni che non possono essere modificate da nessuno.

Pensa ad un documento cartaceo: può essere falsificato senza problemi con un buon programma di grafica; un documento protetto da tecnologia blockchain no, e può essere generato soltanto da un ente o organo autorizzato, così come la sua lettura non è possibile a tutti ma solo a chi ha una chiave d’accesso.

Queste a nostro avviso solo le soluzioni più logiche che potrebbero essere adottate.

La tecnologia blockchain ci aiuterà nuovamente a viaggiare? Speriamo di si.

La soluzione che arriva dall’Italia

La soluzione relativamente a ‘blockchain e passaporto sanitario‘, sembra arrivare dall’Italia: la società ‘Blockchain Italia.io‘, ha sviluppato una app dal nome ‘My Healt Passport‘ che contiene tutti i dati relativi allo stato di salute del cittadino e che potrà essere letta soltanto da soggetti autorizzati.

Il grande vantaggio di questa app sarà inoltre anche quello di semplificare la burocrazia che ricade sempre come sai, su noi poveri viaggiatori.

Devi sapere difatti che al momento i vari certificati che dobbiamo presentare all’ingresso in altri paesi devono essere tradotti in inglese ed autenticati.

In questo modo si vanno a tagliare rapidamente un sacco di procedure onerose, noiose, fastidiose, ecc… insomma, tutto quello che può finire per -ose.

Fortunatamente, laddove non arriva chi dovrebbe pensarci, ci pensa l’imprenditoria illuminata, come in questo caso, o nel caso di Ryanair.

Facciamo il tifo per Blockchain Italia.io e speriamo che il suo progetto, al vaglio delle diverse organizzazioni mondiali, venga recepito positivamente.

Il tunnel sta finendo?

Come dico sempre: non ho la sfera di cristallo, ovvio ma riesco a notare tanti piccoli, piccoli passi avanti verso la normalità.

Non voglio dirlo troppo forte ma mi sento ottimista e fiducioso.

Se può essere ottimista uno come me, che fa il mio lavoro, che praticamente non guadagna nulla da un anno in quanto il viaggio oltre che una passione è un lavoro, possiamo iniziare ad esserlo tutti quanti.

Siate ottimisti e guardate al futuro con fiducia: vedrete, ne usciremo fuori.

Scopri le offerte viaggio su www.iviaggidigolia.com

Vuoi costruire la tua vacanza personalizzata? Compila il form e riceverai la nostra consulenza gratuita