Ryanair: nessun supplemento per cambio data

Ryanair: nessun supplemento per cambio data

Sembra che il vaccino contro Covid 19 stia portando una ventata d’ottimismo: ci ho fatto caso da un paio di settimane a questa parte…

Le notizie che passano in tv (seppure su uno sfondo di terrorismo mediatico) sembrano essere più rosee e meno calcate di come avvenisse in precedenza, l’umore e lo stato d’animo delle persone (rivelato dai loro post su Facebook), sembra essere decisamente migliorato nonostante le restrizioni cui siamo stati sottoposti durante questo natale, ma soprattutto la comunicazione marketing di diversi tour operator e compagnie aeree è tornata a farsi sentire.

(Clicca qui se ti interessa sapere come Viaggiare nel 2021)

Tra tutti quella che ha attirato la mia attenzione è stata Ryanair.

Ryanair, senza mezzi termini ed anche in maniera un po’ audace annuncia più o meno: ‘La cura anti-covid sta arrivando, prenota ora…’ e soprattutto nello spot, sul finale la voce fuori campo annuncia: ‘Nessun supplemento per il cambio’ – o qualcosa di simile.

‘Wow, fantastico!’ penserai… ‘Arriva il vaccino, se ci sono problemi per la variazione del volo non devo pagare niente e posso cambiare come mi pare!’.

Si sarebbe strepitoso se effettivamente fosse così, ma non è così…

Prepariamoci, che presto scenari come questo ritorneranno realtà

Per capire dove ‘casca l’asino’ devi conoscere questo oscuro dettaglio

Per comprendere esattamente quello che sto per dirti devi conoscere le dinamiche e il funzionamento di una cosa: le politiche riguardo il cambio volo ed in particolare le politiche per il cambio volo di Ryanair.

Rispetto ad altre compagnie aeree, la low cost irlandese consentiva ai propri passeggeri di variare il volo.

Ammettiamo tu fossi stato in possesso di un biglietto Roma-Parigi per una determinata data, qualora avessi voluto cambiare la tua tratta, variando quelli che erano gli aeroporti di andata o ritorno (ad esempio volevi cambiare con un Roma – Madrid) avresti potuto farlo, previo pagamento di una penale di 100 euro (se ricordo bene) e soprattutto previo pagamento dell’adeguamento tariffario.

Un esempio per capire meglio

Facciamo un esempio concreto per comprendere meglio: ammettiamo il tuo Roma – Parigi fosse costato 100 euro e avessi voluto cambiarlo con un Roma – Madrid (che però costa 150 euro), per poter fare questo avresti dovuto pagare la penale di 100 euro (come spiegato sopra) e in aggiunta la differenza tra il primo e il secondo biglietto (che in questo caso è di 50 euro).

Pertanto per variare il tuo volo avresti dovuto pagare 100 euro (penale) + 50 euro (adeguamento tariffario), totale 150 euro. Alla fine il tuo nuovo biglietto costerà 250 euro (i 100 vecchi più i 150 nuovi).

Ammetto e ribadisco che Ryanair offre il grande vantaggio di poter variare il volo a differenza della stragrande maggioranza delle compagnie aeree, ma tuttavia, non regala nulla e se i tuoi piani cambiano e ti trovi costretto a variare il volo, comunque ti dovrai sorbire la differenza tariffaria.

Quello che vogliono farci credere

Ascoltando e guardando lo spot pubblicitario che questi giorni impazza nelle maggiori reti televisive, si ha l’impressione che sia possibile cambiare la propria tratta senza spendere un soldo. Ad un orecchio (e occhio) attento ed esperto, salta subito in evidenza il fatto che non è tutto oro quello che abbaglia il consumatore.

Spesso e volentieri, in un settore come quello del travel, per accalappiarsi il consenso degli utenti, si usa una comunicazione facilmente travisabile: si attrae il cliente con una formuletta magica e molte volte di libera interpretazione.

Quindi, Ryanair: nessun supplemento per cambio volo? Direi di no!

Ryanair: nessun supplemento per cambio data
All'evidenza non si fugge però. Se vai sul sito della compagnia è tutto chiaro

Vero, andando ad informarsi, è possibile trovare tutte le indicazioni che si stanno cercando e di cui si necessita per un’attenta valutazione, ma è anche vero che, la pigrizia ha la meglio e ciò non accade.

La possibilità di avere dall’altra parte un interlocutore che non sia un impiegato di un call center, ci permetterà di porre tutte le domande che le circostanze richiederanno, come ad esempio potrebbe avvenire rivolgendosi ad un professionista (un agente o consulente viaggi).

Se ci sono dubbi sull’interpretazione di una frase, basterà semplicemente chiedere.

www.iviaggidigolia.com

Leave a Reply