fbpx

Vacanze: perché non dovresti chiedere consigli qua e là

Dillo ai tuoi amici. Condividi ora!
Sicuramente ti sarà capitato di programmare la tua vacanza mentre ti trovavi nell’incertezza più assoluta e hai iniziato a chiedere consigli a destra e a sinistra del tipo: “Meglio India o Sudafrica? Maldive o Mar Rosso? Stati Uniti o Thailandia?” e dall’altra parte ti sentivi sparare nomi a caso, di stati  inesistenti, manco si stesse giocando a Risiko! Ognuno sparava la sua destinazione a seconda delle fasi lunari, altri a seconda della nazionalità della fidanzata, altri ancora perché c’erano stati con l’amante. E tu lì che sulla faccia avevi quell’espressione da bradipo interdetto. La stessa cosa l’ho notata su alcuni gruppi Facebook che parlano di viaggi. Arriva gente che chiede: “Ragazzi un consiglio: meglio Messico o Puglia?”… e via che cominciava la gara del consiglio inutile. Ognuno che spara la sua. Si sa, noi italiani siamo campioni mondiali di opinionismo e quando si tratta di sparare a zero senza attivare il cervello siamo campioni.

Perché non dovresti chiedere consigli?

Se è un pò di tempo che leggi questo blog, e da 1 a 10 mi vuoi bene almeno 4, ascolta questo mio caloroso consiglio. L’unico che dovresti stare a sentire: smettila di chiedere consigli a “membro di segugio”. Sì, hai capito. Falla finita di chiedere e fare domande a “random”, che tanto ti arriveranno risposte altrettanto a “random”.

Perché dovresti smetterla di chiedere consigli?

Semplice. Organizzare un viaggio e chiedere un parere partendo da zero non serve a niente per via del fatto che quando si sceglie dove andare è importante in primo luogo il “perché” si vuole andare in quel determinato posto. E’ il tuo sogno fin da bambino? Devi andarci perché è l’unico paese che ti manca da visitare? E’ un viaggio di nozze? E’ la solita vacanza che sei abituato a fare? Inoltre: cosa vuoi fare una volta giunto a destinazione? Vuoi fare immersioni? Scalare montagne? Kite surf o vuoi stare tutto il giorno in spiaggia? Infine: che cosa ti aspetti da questo posto? Cosa vorresti ti offrisse? Può darsi benissimo che tu sia in fissa con un luogo perché sei convinto che lì potrai fare determinate cose che invece non potrai mai fare (come ad esempio, non aspettarti di visitare monumenti storici alle Maldive!).

Gli amici non possono sapere quello che ti passa per la testa!

Gli amici (o peggio ancora gli sconosciuti), non possono assolutamente sapere che cosa ti stia passando per la testa, sul perché vorresti visitare un luogo piuttosto che un altro. Tu potresti avere i tuoi motivi che loro stanno ignorando nella maniera più assoluta. Come puoi pretendere che ti diano consigli giusti? Personalmente rabbrividisco quando vedo e sento qualcuno che fa domande stupide. Perché non c’è altro modo per definirle se non in questo modo.

La soluzione

Magari ora ti starai chiedendo: “E se non chiedo consigli allora come faccio a capire dove voglio andare in vacanza?”. Semplice: devi confessarti. Sì, confessa al tuo consulente viaggi di fiducia quello che vorresti trovare in vacanza, quello che vorresti vedere, quello che vorresti fare (e soprattutto, quello che vorresti spendere). Leggi anche L’agente viaggio è il tuo confessore e capirai perché! Piuttosto che farle tu le domande, lascia che sia lui a farle a te. Lascia che sia lui a raccogliere tutti gli elementi utili per poterti finalmente dare il giusto consiglio. Questo sì che è un consiglio a ragion veduta, non quelle decine di basse e inutili opinioni che raccatti ogni giorno! Organizzare una vacanza è qualcosa di serio, più serio di quello che stai pensando. Scopri le offerte viaggio su www.iviaggidigolia.com Vuoi costruire la tua vacanza personalizzata? Compila il form e riceverai la nostra consulenza gratuita